news


Una giornata per ricordare Roberto Daolio

Tra Biglietti degli amici ed Esercizi di stile

Giovedì 3 maggio 2018 in Accademia e al MAMbo

Accademia di Belle Arti – Bologna  - a cura di  Gino Gianuizzi

Biglietti degli amici

"Biglietti degli amici" vedrà alternarsi in veloce successione brevi racconti e testimonianze su Daolio portati da amici artisti e colleghi. Parteciperanno: Lelio Aiello, Alessandra Andrini, Sergia Avveduti, Renato Barilli, Maria Rita Bentini, Bruno Benuzzi, Anna Valeria Borsari, Carlo Branzaglia, Giovanna Caimmi, Annalisa Cattani, Davide Da Pieve, Lara De Lena, Silvia Evangelisti, Emilio Fantin, Maurizio Finotto, Enrico Fornaroli, Yumi Karasumaru, Gabriele Lamberti, Valentina Manchia, Eva M arisaldi, Claudio Marra, Doerte Meyer, Sabrina Mezzaqui, Guido Molinari, Rinaldo Novali, Daniela Olivieri (Sissi), Salvatore Papa, Chiara Pergola, Rossella Piergallini, Leonardo Pivi, Maura Pozzati, Andrea Renzini, Mili Romano, Letizia Rostagno, Caterina Sinigaglia, Elena Vai.

In un viaggio in treno, alla fine degli anni Ottanta, mi ritrovai seduta vicino a Roberto Daolio, che conoscevo,  se pur superficialmente. Si stava facendo sera ed inaspettatamente Roberto, ripiegando un giornale che aveva in mano, iniziò a parlarmi della sua vita, della solitudine che avvertiva in quel periodo dopo una grave perdita, della madre bisognosa di cure costanti, cui era legatissimo.  Mi parlò per tutta la durata del viaggio, come si può fare con un vecchio amico o, a volte, anche con un totale sconosciuto. Anch'io gli raccontai un poco i miei problemi.  Non parlammo di lavoro. D'altra parte la sua attività di critico era allora abbastanza circoscritta nell'orbita delle iniziative di Renato Barilli, di cui era stato allievo,  e che  in quel periodo si occupava dei  "Nuovi nuovi ".  Nel 1990 fui felicemente sorpresa nel vedere il  nome di Roberto, a fianco di quello di Argan,  tra quelli di una commissione di un concorso promosso dal Dicastero alla Cultura di San Marino, "Provoc'Arte",  che invitava gli artisti ad intervenire in diversi luoghi della piccola Repubblica: esterni di vario tipo ed anche una Chiesa sconsacrata. La cosa per me era incredibilmente importante, perché per la prima volta si promuovevano pubblicamente operazioni come quelle che da almeno una decina di anni, con notevoli difficoltà e sforzi personali, ero riuscita ad attuare; partecipai quindi con entusiasmo, e fui anche premiata. Ma non contattai Roberto, né prima né dopo, come forse avrei dovuto fare. A causa di una misteriosa malattia, mai diagnosticata, passai poi un periodo di totale isolamento ed inattività. Nel '94, quando ripresi a lavorare, Mauro Manara, visitando Paesaggi infranti, site specific che avevo realizzato in un ex reparto dell'Ospedale Psichiatrico di Imola, mi disse che avrei dovuto conoscere un gruppo di giovani artisti che operavano in modo simile al mio ed esponevano nella nuova galleria Neon, diretta da Gino Gianuizzi.  Conobbi Gino ed un poco alla volta gran parte di quegli artisti, con cui avvertivo notevoli affinità e con cui condivisi diverse iniziative. In anni per me piuttosto difficili fui veramente felice di trovare a Bologna un contesto così stimolante, coeso, finalmente con molte e significative presenze femminili. I nostri linguaggi espressivi erano simili; vi erano però anche delle differenze, anzitutto di natura anagrafica, tra chi come me si era formato prima del crollo delle ideologie, e chi si era formato dopo.   Mi resi conto poi ben presto  che il punto di riferimento di quei giovani ed interessanti artisti, era anzitutto lui: Roberto Daolio, che in Accademia aveva insegnato a molti di loro e continuava a seguirli. Lo rividi completamente cambiato, carico di vita, di entusiasmo, di disponibilità. Roberto aveva la capacità di individuare il dettaglio che può fare di una discreta opera un'opera geniale, sapeva consigliare senza essere invasivo, e non amava apparire più di tanto. Fu a lui che chiesi un testo per Suonare Borsari, opera realizzata in quello che avrebbe dovuto essere il mio studio a Milano, nel '97; fu a lui che chiesi di presentare nel 2001 il mio Monumento al mare presso la GAM di Bologna.  Nel 2004, in occasione di una installazione che avevo fatto già al Care Off di Milano, Proposta abitativa,  parte iniziale della mia utopica serie: L'Arte come cura del mondo / il mondo come cura dell'Arte, mi invitò a parlare di quel progetto ai suoi studenti. Dopo il mio trasferimento a Milano ci furono meno occasioni di incontro, ma quando ho dovuto presentare a Bologna, in Santa Cristina,  Fuori dal monumento,  video tratto dalla performance che avevo fatto in piazza Maggiore, con relativa pubblicazione, ancora una volta gli ho chiesto un aiuto,  e la sua lettura dell'opera è stata determinante. Ci siamo salutati in fretta, certi di rivederci presto, scambiandoci un cenno a distanza  tra le tante persone presenti.

Anna Valeria Borsari

Roberto Daolio. Vita e incontri di un critico d'arte attraverso le opere di una collezione non intenzionale

Dall'8 dicembre 2017 al 6 maggio 2018 nella Project Room del MAMbo.

Con la collaborazione del gruppo della Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici dell'Università degli Studi di Bologna, composto da Davide Da Pieve, Lara De Lena, Roberto Pinto e Caterina Sinigaglia, che hanno anche curato la pubblicazione: Roberto Daolio. Aggregati per differenze (1978 - 2010), ed. postmedia books, 2017.

MAMbo – Museo d'Arte Moderna di Bologna
Via Don Minzoni 14 | 40121 Bologna | +39 051 6496611
info@mambo-bologna.org | www.mambo-bologna.org


ARTISSIMA 2017 Internazionale d'Arte Contemporanea

3-4-5 novembre 2017

Back to the Future 2017 Artisti e Gallerie

 

L'ottava edizione di Back to The Future, la sezione della fiera dedicata alla riscoperta di grandi pionieri dell'arte contemporanea, intende mostrare a un largo pubblico  importanti opere degli anni '80 e valutarne l'impatto sulle sperimentazioni attuali. La sezione è curata da un board coordinato da Anna Daneri e composto da Zasha Colah, Dora García, e Chus Martinez.

Partecipano a Back to the Future 27 artisti attivi negli anni '80, presentati da 29 gallerie.
 SANTI ALLERUZZO, SPAZIOA, Pistoia; RASHEED ARAEEN, ROSSI & ROSSI, London, Hong Kong; LUCIANO BARTOLINI, STUDIO DABBENI, Lugano; MARION BARUCH, ANNE-SARAH BÉNICHOU, Paris + LAURENCE BERNARD, Geneva; JUDY BLUM REDDY, TWELVE GATES ARTS, Philadelphia; ANNA VALERIA BORSARI, STUDIO G7, Bologna; PHILIP CORNER, UNIMEDIAMODERN, Genova; JAQUELINE DE JONG, DÜRST BRITT & MAYHEW, Den Haag; AMALIA DEL PONTE, GALLERIA MILANO, Milano; NATHALIE DU PASQUIER, APALAZZO, Brescia; JEAN DUPUY, LOEVENBRUCK, Paris; MARIANNE EIGENHEER, VON BARTHA, Basel, S-chanf; JORGE FERRÉ, SENDA, Barcelona; ESTHER FERRER, ÀNGELS BARCELONA, Barcelona; VERA ISLER, BALZER PROJECTS, Basel; VIVIENNE KOORLAND, RICHARD SALTOUN, London; CORRADO LEVI, RIBOT, Milano; SERGIO LOMBARDO, 1/9UNOSUNOVE, Roma; ELISA MONTESSORI, MONITOR, Roma, Lisbon; BEVERLY PEPPER, KAYNE GRIFFIN CORCORAN, Los Angeles; NICOLA PONZIO, RICCARDO COSTANTINI, Torino; MARILENA PREDA-SÂNC, EASTWARDS PROSPECTUS, Bucharest; ÀNGELS RIBÉ, ANA MAS PROJECTS, Barcelona, San Juan; DIET SAYLER, 418GALLERY, Bucharest; JOACHIM SCHMID, P420, Bologna; ROBERTO TURNBULL, TIRO AL BLANCO, Guadalajara; JAN VERCRUYSSE, TUCCI RUSSO, Torre Pellice + VISTAMARE, Pescara.

OVAL – Lingotto Fiere
T +39 011 19744106


My way, A modo mio
Ginevra Grigolo e lo Studio G7
44 anni tra attualità e ricerca

MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, 29 aprile - 28 maggio 2017

Il Comune di Bologna e l'Istituzione Bologna Musei omaggiano Ginevra Grigolo, figura chiave e punto di riferimento con la sua galleria Studio G7 nelle vicende dell'arte contemporanea a Bologna, con la mostra "My way, A modo mio". Il museo, ricostruendo le vicende di una galleria che, come la sua fondatrice, ha da sempre scelto di collocarsi nella dimensione della ricerca e dell'innovazione, intende proporre una delle tante letture possibili della storia culturale della città.
"My way, A modo mio" ripercorre 44 anni di attività portata avanti con passione dalla fondatrice (nel 1973) di Studio G7: la Sala delle Ciminiere e gli spazi adiacenti accolgono una vasta e acuta selezione di opere, oltre 150 pezzi, in cui grandi presenze internazionali si affiancano ad artisti di generazioni più giovani, proponendo diversi percorsi di ricerca ed espressione. La mostra è corredata da un catalogo edito da Corraini Edizioni.
Info.: MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna,  vi Don Minzoni 14- 40121 Bologna
+ 39 051 6496611 / info@mambo-bologna.org


Anna Valeria Borsari, Narciso, 1977


Alfabeta 1979-1988.
Prove d'artista nella collezione della Galleria Civica di Modena

A cura di Francesca Mora

Galleria Civica di Modena, Palazzo Santa Margherita, 25 marzo – 7 maggio 2017

L'esposizione, realizzata anche grazie alla collaborazione di Fondazione Mudima, Milano, è dedicata alle 66 Prove d'artista realizzate da 49 autori per la storica rivista di informazione culturale "Alfabeta" tra il 1983 e il 1988.

Pubblicata a Milano dal 1979 al 1988, su iniziativa del comitato di redazione composto da Nanni Balestrini, Maria Corti, Gino Di Maggio, Umberto Eco, Francesco Leonetti, Antonio Porta, Pier Aldo Rovatti, Gianni Sassi, Mario Spinella e Paolo Volponi, "Alfabeta" era l'espressione di un gruppo di intellettuali diversi per formazione e interessi personali, accomunati dall'attiva partecipazione al discorso culturale, sociale e politico degli anni Sessanta e Settanta, e successivamente uniti nella riflessione sul come poter svolgere il proprio ruolo nella società "ideologicamente confusa" dei primi anni Ottanta.

La prove d'artista iniziano a comparire sul mensile a partire dal numero 44, del gennaio 1983, con un disegno di Fausto Melotti, ideato per l'occasione.

In mostra opere di:
Rina Aprile, Enrico Baj, Paolo Baratella, Gianfranco Baruchello, Alighiero Boetti, Anna Valeria Borsari, Eugenio Carmi, Giovanni Carta, Tommaso Cascella, Loriana Castano, Pietro Coletta, Giovanni D'Agostino, Dadamaino, Sergio Dangelo, Piero Del Giudice, Lucio Del Pezzo, Giuseppe Devalle, Piero Dorazio, Gillo Dorfles, Pablo Echaurren, Omar Galliani, Piero Gilardi, Gianpaolo Guerini, Emilio Isgrò, Ugo La Pietra, Alberto Magnaghi, Luigi Malerba, Enzo Mari, Giuliano Mauri, Fausto Melotti, Alessandro Mendini, Aldo Mondino, Claudio Olivieri, Giulio Paolini, Gianfranco Pardi, Goffredo Parise, Claudio Parmiggiani, Luca Patella, Concetto Pozzati, Carlo Ramous, Liberio Reggiani, Marco Nereo Rotelli, Toti Scialoja, Lorenzo Sguanci, Giuseppe Spagnulo, Aldo Spoldi, Emilio Tadini, Grazia Varisco, William Xerra.

Catalogo edito da Fondazione Mudima, con testo di Francesca Mora e una testimonianza di Flaminio Gualdoni.

Organizzazione e produzione Galleria Civica di Modena, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena in collaborazione con Fondazione Mudima.

Informazioni Galleria Civica di Modena, corso Canalgrande 103, 41121 Modena- tel. +39 059 2032911/2032940 - fax +39 059 2032932 - www.galleriacivicadimodena.it


Anna Valeria Borsari, Paesaggio, Da una serie di dipinti perduti, in Prove d'artista, "Alfabeta", 1988


Gender Imbalance

Nell'ambito del master in Contemporary Art Markets di NABA (Nuova Accademia di Belle Arti di Milano), diretto da Marco Scotini e coordinato da Silvia Simoncelli, il workshop «Gender Imbalance» propone un'inchiesta/studio sulla posizione delle donne nella storia dell'arte recente e nel mercato dell'arte e vede la partecipazione di artiste, collezioniste, galleriste di diversa generazione.

Il 24 marzo dalle ore 9,00 alle ore 18,00 presso il campus Naba, si susseguiranno una serie di incontri con Donata Pizzi, collezionista (9,00-11,00, A2.7), Beatrice Catanzaro, artista (11,00-13,00, A0.2), Anna Valeria Borsari, artista (14,00-16,00, A2.7), Grazia Varisco, artista (16,00-18,00, presso spazio Ca' di Fra).
Gli incontri sono a cura di: Silvia Simoncelli, Caterina Iaquinta, Elivra Vannini.

 


Almanacco 2017 – alfabeta2

Per l'Almanacco 2017 – alfabeta 2, ed. Derive Approdi,  Manuela Gandini e Francesca Pasini  hanno invitato oltre cento artiste del mondo (WAW – Women Artists of the World) a partecipare con le loro immagini.

Presentazione presso la Fondazione Mudima, mercoledì 25 gennaio 2017, ore 17,30, a cura di Nanni Balestrini, Maria Teresa Carbone ed Andrea Cortellessa; con interventi di Lucia Tozzi, Lelio De Michelis, Giorgio Mascitelli, Jan Reister, Marco Scotini.

FONDAZIONE MUDIMA - Via Tadino 26 - 20124 Milano-  t. 02.29409633   info@mudima.net  www.mudima.net

Presentazione presso la Libreria delle donne di Milano, mercoledì 15 marzo, ore 18,30, a cura di Manuela Gandini e Francesca Pasini

Libreria delle donne, Via Pietro Calvi 29, Milano, tel. 0270006265  info@libreriadelledonne.it   www.libreriadelledonne.it

 


The History of European photography

Gigliola Foschi, 1970- 2000 – Italian Photography,  in The History of European photography, 1970-2000, Vol. III, november 2016,  http://Obchod.sedf.skMaria.Herenyi@gmail.com,  pp. 411 – 435.

Photographers: Paola Agosti, Vasco Ascolini, Carlo Benvenuto, Marina Ballo Charmet, Olivo Barbieri, Gabriele Basilico, Letizia Battaglia, Nunzio Battaglia, Antonio Biasiucci, Anna Valeria Borsari, Maurizio Buscarino, Vincenzo Castella, Giovanni Chiaramonte, Francesco Cito, Mario Cresci, Tano D'Amico, Paola De Pietri, Paola Di Bello, Franco Fontana, Fausto Giaccone, Paolo Gioli, Luigi Ghirri, Guido Guidi, Francesco Jodice, Mimmo Jodice, Luisa Lambri, Lelli e Masotti, Armin Linke, Uliano Lucas, Paola Mattioli, Nino Migliori, Ugo Mulas, Walter Niedermayr, Occhiomagico, Paolo Pellegrin, Marialba Russo, Oliviero Toscani, Ivo Saglietti, Roberto Salbitani, Ferdinando Scianna, Elisa Sighicelli, Alessandra Spranzi, Franco Vaccari, Massimo Vitali, Silvio Wolf, Francesco Zizola.

 


Bologna dopo Morandi 1945- 2016

A cura di Renato Barilli

dal 22/09/2016 al 08/01/2017, Palazzo Fava, Via Alessandro Manzoni 2, Bologna

 


Labirinti senza muri

A cura di Sara Fontana

Dal 29 ottobre al 27 novembre 2016, Premio d'arte "Città di Treviglio", su invito, e Concorso Giovani Talenti, riservato agli under 35, su selezione. Per la quarta edizione del Premio, i dieci artisti invitati sono:

Anna Valeria Borsari, Amalia Del Ponte, Bruno Di Bello, Salvatore Falci, Giovanni Frangi, Marco Grimaldi, Gabriele Jardini, Andrea Mastrovito, Francesco Pedrini, Anne e Patrick Poirier.

Per il Concorso Giovani Talenti 2016, la giuria ha selezionato tredici artisti: Byron Francisco Andrade Gago, Andrea Barzaghi, Pamela Breda, Calori & Maillard, Michele D'Agostino, Davide Mancini Zanchi, Edoardo Manzoni, Saba Masoumian, Elena Mazzi, Claudia Ponzi, Stefano Serretta, Giulia Spreafico, Cosimo Veneziano.

Esposizione nella Sala Crociera del Museo Della Torre di Treviglio (vicolo Bicetti 11, Treviglio), in altre sedi comunali e nello Spazio SanPaolo Invest (via Cavallotti 31b, Treviglio) dal 29 ottobre al 27 novembre 2016.

Info: Segreteria del Premio c/o il Comune di Treviglio: Tel. +39 0363 317502 / + 39 0363 317520/ +39 0363 317506 - info@premiocittaditreviglio.it


Anna Valeria Borsari, Labirinto (particolare), 1976, 45 fotografie b/n cm. 18 x 24.

 


Extra DRY

Anna Valeria Borsari
19 luglio - 17 ottobre 2016
DRY Cocktails & Pizza, via Solferino 33, Milano

  
Anna Valeria Borsari, Attraversarsi, sequenza di diapositive trasferita in formato digitale, 1977, 1'05''. Courtesy l'artista.

Extra DRY è il programma dedicato al video in Italia curato da Peep-Hole negli spazi di DRY Cocktails & Pizza. Dopo aver presentato il lavoro di artisti italiani delle ultime generazioni, Peep-Hole dedica la terza edizione alla sperimentazione video degli anni Sessanta e Settanta e presenta quattro cicli monografici con le opere di Anna Valeria Borsari, Ugo La Pietra, Luca Maria Patella e Franco Vaccari.

Concentrate tra la fine del 1976 e il 1977, le opere presentate per l'ultimo appuntamento di Extra Dry segnano il passaggio di Anna Valeria Borsari dall'ambito concettuale a nuove modalità operative. Caratteristica dei lavori è la precarietà dell'opera, che può essere riassorbita dai luoghi in cui e per cui è stata prodotta, permanendo però nella documentazione fotografica, nelle descrizioni o nel ricordo. Ne Il testimone (1976-77) Borsari riprende ciò che vede percorrendo un porticato fino a incrociare un uomo cui domanda testimonianza di averla vista. In Autoritratto in una stanza (1977) l'intenzione dell'artista di eseguire il proprio autoritratto viene negata durante la realizzazione dell'opera stessa. Infine in Attraversarsi (1977) la visione affiancata di due sequenze di fotografie scattate a intervalli regolari dalle estremità di un portico, evidenzia un unico punto e momento in cui l'artista, equidistante dai due punti di vista, "si attraversa".


BAU TREDICI / DRESS CODEX (2016)

Gli autori di BAU Tredici: Andrea Abati, Aboutiful, Paolo Albani, Silvia Ancillotti, Fernando Andolcetti, Stella Bach, Nora Bachel, Nanni Balestrini, Vittore Baroni, Golnaz Bashiri, Anna Valeria Borsari, Antonino Bove, Luca Brocchini, Myriam Cappelletti, Andrea Chiarantini, Weixin Chong, Cosimo Cimino, Massimo Cittadini, Carla Crosio, GianLuca Cupisti, Anne & Mario Daniele, Jakob De Chirico, Luca De Silva, Gabriele Dini, Graziano Dovichi, Amelie Duchow, Laura V.d.B. Facchini, FBarbara Fluvi, ForA, Monica Fossi Giannozzi, Ingrid Gaier, Annaklara Galli, Carlo Galli, Delio Gennai, Chiara Giorgetti, Gumdesign, Valentina Lapolla, LeRusco, Margherita Levo Rosenberg, Lolamur, Claudia-Marie Luenig, Marcantonio Lunardi, Ruggero Maggi, Manuela Mancioppi, Ubaldo Molesti, Rachel Morellet, Gertrude Moser-Wagner, Mario Mulas, Murat Önol, Virginia Panichi, Guido Peruz, Lamberto Pignotti, Giorgio Poli, ProgettoUtopia, Quek & Cambrai, Claudio Romeo, Massimo Salvoni, Sergio Sansevrino, Sarenco, Eva Sauer, Gue Schmidt, Simoncini.Tangi, Lorena Sireno, Serena Tani, Nicola Felice Torcoli, Päivi Vähälä, Tommaso Vassalle, Giacomo Verde, Elisa Zadi, Lucrezia Zaffarano.      
Testi redazionali: Vittore Baroni, Antonino Bove,Luca Brocchini, Francesca Cattoi, Andrea B. Del Guercio, Alessio Guano, Tipigrafici/Aboutiful, Maurizio Marco Tozzi, Helena Velena.
Contributi redazionali di: Nanni Balestrini, GianLuca Cupisti, Graziano Dovichi, Lamberto Pignotti, Lorena Sireno, Päivi Vähälä.     Progetto Grafico: Gumdesign

Mostre

GAMC - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea «Lorenzo Viani», Viareggio,  18 giugno -  15  luglio, e finissage  con  Andrea Del Guercio

Paola Raffo Arte contemporanea, Pietrasanta, 6- 21 agosto

Biennale d'Arte Cartasia, Lucca, 13 agosto - 9 settembre

Artforms, Prato, 22- 24 settembre

Presentazioni

Studio Gennai Arte Contemporanea, Pisa, 25 settembre
Sala conferenze  Museo del Novecento, Milano, 18 ottobre , con  Bruno Corà e Giorgio Zanchetti.


Laura Leuzzi, Early Women Artists' Video Art in Italy: An overview, "Paradoxa", Vol. 38, 2016, pp. 66-73.


Anna Valeria Borsari, Biography & Interview, February 2016, EWVA, ac. Uk. - European Women's Video Art - Principal Investigator Professor Elaine Shemilt; Co-investigator Professor Stephen Partridge; Reseaech Assistant Dr. Laura Leuzzi; Archivist Adam Lockhart- Visual Research Centre – Duncan of Jordanstone College of Art & Design, University of Dundee


BAU TREDICI / DRESS CODEX / urgenze contemporanee in veste di rivista. L'Associazione culturale no profit BAU di Viareggio assembla, produce e distribuisce dal 2004 un periodico a scadenza annuale - BAU Contenitore di Cultura Contemporanea - che raccoglie, in una scatola-contenitore, lavori originali di autori nazionali e internazionali. Esemplari di BAU sono conservati presso numerose biblioteche, musei, archivi e collezioni, dal MART di Rovereto alla Tate Modern di Londra. La rivista prosegue nell'esplorazione di nuove dimensioni col prossimo numero Tredici (2016), che verrà realizzato nel formato UniA2 (cm. 42 x 59,4) sul tema dell'abito (Dress Codex) - info@bauprogetto.net - www.bauprogetto.net.

Anna Valeria Borsari, Abito mimetico per
Migranti via mare, particolare dell'opera per
BAU TREDICI/ DRESS CODEX, 2016.


Extra DRY @ Accademia di Brera Milano

Lezioni aperte, approfondimento sul lavoro degli artisti invitati da Peep-Hole al programma Extra Dry, dedicato al video in Italia, curato da  Peep-Hole negli spazi di DRY Cocktails & Pizza a Milano. In collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Brera, con i corsi di Storia dell'Arte Contemporanea del Prof. Giacinto Di Pietrantonio e della Prof.ssa Laura Cherubini, ed il corso di Ultime Tendenze delle Arti Visive della Prof.ssa Cloe Piccoli, la terza edizione di Extra Dry vede la partecipazione di alcune tra le figure di rilievo della sperimentazione video degli anni Sessanta e Settanta:

Anna Valeria Borsari, Ugo La Pietra, Luca Maria Patella, Franco Vaccari.

Le lezioni, indirizzate agli studenti e aperte al pubblico esterno, si terranno all'Accademia di Belle Arti di Brera dalle 12.00 alle 14.00 il  28 gennaio 2016.


REWIND/Italia, Early Video Art in Italy/ I primi anni della videoarte in Italia, ed. by Laura Leuzzi and Stephen Partridge, John Libbey Publishing Ltd., 2016.


Now You Can Go, The Showroom, the ICA, Space Studios and Raven Row, London. December 2015- Autoritratti -  curated by Laura Leuzzi and Giulia Casalini - Ketty La Rocca, Anna Valeria Borsari, Catherine Elwes, Elisabetta di Sopra, Elaine Shemilt, Maria Teresa Sartori, Federica Marangoni, Tina Keane, Cinzia Cremona.


Anna Valeria Borsari, Autoritratto in una stanza,
video, 11', 1977, Galleria del Cavallino, Venezia.


ARTE PER CHI, Il ruolo del pubblico nell'arte contemporanea, a cura di Anna Valeria Borsari, A+MBookstore ed. , ottobre 2015. Pubblicazione che raccoglie i materiali comparsi sul blog: www.arteperchi.org.


CON IL PUBBLICO, Stefano Arienti, Valentina Berardinone, Anna Valeria Borsari, Gianluigi Colin, Barbara Fassler, Alberto Garutti, Elio Grazioli, Ugo La Pietra, Corrado Levi, Amedeo Martegani, Ferdinando Mazzitelli, Concetta Modica, Luca Pancrazzi, Pierfabrizio Paradiso, Fausta Squatriti, Bert Theis, Sophie Usunier, Wurmkos; mostra collettiva, cui hanno partecipato gli artisti che in qualche modo han contribuito al progetto Il ruolo del pubblico nell'arte contemporanea, realizzato dalla associazione AR.RI.VI, con patrocinio della Regione Lombardia e del Comune di Milano, e contributo della Fondazione CARIPLO. La mostra è  a cura di Andrea Ferri e Giuliano Manselli, presso AR.RI.VI (Archivio Ricerca Visiva), Milano, Ottobre- Novembre 2015.

Anna Valeria Borsari, da Madonna di  monete e cereali, Piazza Duomo, Milano, 1979. 


Naturale e/o artefatto, Anna Valeria Borsari, Franco Farinelli, Eleonora Fiorani, Raffaele Milani, Gian Battista Vai, Naturale e/o artefatto, ed. Mimesis / Filosofie,  2015.  Atti del convegno tenutosi all'Università di Bologna.


arteperchi - Il ruolo del pubblico nell'arte contemporanea, ideazione del progetto biennale per AR.RI.VI ed "argomenti" sul blog www.arteperchi.org.


Presentazione di Ipotesi d'artista, presso la Sala Napoleonica dell'Accademia di Belle Arti di Brera, a cura di Claudio Cerritelli, con Anna Valeria Borsari, Giacinto Di Pietrantonio, Pier Luigi Tazzi, in occasione della ristampa degli atti dello storico convegno tenutosi nell'Aula Magna della Facoltà di Ingegneria dell'Università di Bologna, nel 1984.

 


Presentazione di Ipotesi d'artista,  da sinistra: Giacinto Di Pietrantonio, Pier Luigi Tazzi, Anna Valeria Borsari, dic. 2014, Sala Napoleonica dell'Accademia di Brera.


La città e la memoria, due collezioni a confronto per il ventennale della Galleria d'Arte V. Guidi, Cascina Roma, San Donato Milanese, 22.11.2014 – 22.02. 2015, Comune di San Donato Milanese, in collaborazione con ENI. Opere delle collezioni, realizzate  tra gli anni Trenta  ed  il Duemila, di: Valerio Adami, Augusto Alvini, Anna Valeria Borsari, Gino Brogi, Domenico Cantatore, Angelo Del Bon, Renato Galbusera, Giuseppe Guarino, Mitchell Johnson,Marcello Nizzoli, Maurizio Simonetta, Emilio Tadini. Organizzazione mostra: Isabella De Matteis, Iris Pontarini; a cura di Monica Loffredo per ENI.


MDC partecipazione al libro in occasione dell'ottantacinquesimo compleanno di Mario Diacono, novembre 2014, Edizioni del Pareto – Luigi Maramotti, Danilo Montanari editore, pubblicazione in 100 copie riservate ai 100 artisti che sono stati invitati a collaborare con un'opera inedita, ed una a Mario Diacono; da ideazione di Luisa Rabbia.

 


Anna Valeria Borsari, Caro Mario, tempera e matita, 2014.


#BCM14 - 13/16 Novembre 2014 – Bookcity Milano – Da verso_coincidenze 3° edizione
c/o Paper & People, a cura di Chiara Giorgetti,  Margherita Labbe, Anna Mariani, per la scuola di grafica d'arte dell'Accademia di Brera, per il progetto transizioni arte_poesia:
 Anna Valeria Borsari, Giulia Niccolai.


Partecipazione a: Racconto Di20, a cura di Concetta Modica e Sophie Usunier; Anna Valeria Borsari, Concetta Modica, Italo Zuffi, 28 ottobre 2014, studio Ferrari, Milano.


Videoex Internationales Experimentalfilm & Video Festival Zurich -
24.5 – 1.6 2014 -  REWINDItalia. Artists'Video in Italy in the 70s & 80s. Kuratiert von Stephen Partridge und Laura Leuzzi.


Partecipazione a: In pasto al presente, di Concetta Modica, ed. A+MBoostore, Milano, ottobre 2013. Conversazioni, testi di: Stefano Arienti, Marion Baruk, Stefano Boccalini, Anna Valeria Borsari, Vincenzo Cabiati, Marco Cingolani, Ermanno Cristini, Enzo Cucchi, Mario Dellavedova, Gabriele Di Matteo, Alberto Garutti, Marco Gastini, Emilio Isgrò, Francesco Lauretta, Corrado Levi, Luigi Mainolfi, Giuseppe Maraniello, Amedeo Martegani, Chijoko Miura, Giulio Paolini, Luca Pancrazzi, Alessandra Spranzi, Alessandra Tortarolo, Franco Vaccari, Grazia Varisco, Vedovamazzei, Gilberto Zorio.


Interno domestico, Mostre in appartamento 1972- 2013, a cura di Federica Boragina e Giulia Brivio, Fortino Editions, ottobre 2013.


In copertina: A. V. Borsari, Suonare Borsari, 1997,  veduta dell'installazione (rielaborazione grafica: G. Brivio).


Autoritratti, Iscrizione del femminile nell'arte contemporanea, MAMbo, Bologna, mostra collettiva da un'idea di Uliana Zanetti; sezione a cura di Emanuela De Cecco, testo in catalogo di Emanuela De Cecco, Date le circostanze, Valentina Berardinone, Anna Valeria Borsari, Maria Lai, Bologna, catalogo Ed. Corraini, 2013.


Anna Valeria Borsari, Autoritratto in una stanza, 1977, installazione fotografica e video, mostra Autoritratti, MAMbo, Bologna, 2013,
(Courtesy MAMbo).


Conversazioni, in: Storie di Fotografia,  "L'uomo nero", n. 9, dicembre 2012, Ora sono qui, conversazione con Anna Valeria Borsari, a cura di Silvia Paoli e Giorgio Zanchetti; da un ciclo di incontri tenuti tra il 2007 ed il 2009 al Castello Sforzesco, per il Dipartimento del delle Arti dell'Università degli Studi di Milano e  il Civico Archivio Fotografico di Milano. Incontri con: Gianni Berengo Gardin, Carla Cerati, Cesare Colombo, Nino Migliori, Antonia Mulas, Roman Opalka, Franco Vaccari, Mario Cresci, Gabriele Basilico, Guido Guidi, Anna Valeria Borsari, Marina Ballo Charmet.


Boite #10- inverno 2012 – partecipazione alla rivista, diretta da Federica Boragina e Giulia Brivio, con un testo: Anna Valeria Borsari, Non ho mai pensato alla narrative art…, ed un piccolo multiplo.